CARDIA: “DISTANZIOMETRI, ORARI E DIVETI STRUMENTI NON EFFICACI NEL GIOCO” ( Gioconews.it FEBBRAIO 2017)

Condividi su:

Bologna – “Sono da sempre convinto che nel dibattito sul gioco pubblico sia necessaria  un’operazione culturale che possa permettere  di sgombrare  il campo da equivoci conducendo  la discussione  verso orizzonti concreti”.  Inizia così il suo intervento,  il legale Geronimo  Cardia, nel convegno  ‘I territori del gioco lecito’  organizzato  dalla Fondazione Forense Bolognese  e dedicato alla cosiddetta ‘Questione  territoriale’  all’interno del quale è stato presentato  e discusso il volume realizzato dallo stesso Cardia e dedicato proprio a questa materia. “Quando parliamo di gioco pubblico – prosegue il legale – e della sua regolamentazione entrano inevitabilmente in ballo alcuni principi costituzionali che risultano imprescindibili e, proprio perché tanti, inopinabili.  Ognuno può dare l’ordine di importanza che preferisce,  è evidente, ma nessuno di questi può essere dimenticato.  Il primo principio – almeno, nell’ordine in cui mi sento io di enunciarli – c’è il diritto alla salute, rispetto al quale non si può essere favorevoli o contrari ma tutti noi non possiamo che essere favorevoli.  Il gioco, quindi, deve essere offerto in maniera idonea a garantire tale principio. Un altro principio è quello del risparmio e anche qui siamo tutti d’accordo  che un cittadino non debba essere ‘ripulito’ di tutti i suoi averi da parte di nessuna attività.

Poi c’è l’ordine pubblico, la cui tutela è sacrosanta:  quindi, ancora il gettito erariale, che anche questo deve essere garantito per il bene dello Stato. Poi c’è il diritto di impresa, troppo spesso messo da parte ma rispetto al quale non si può non essere d’accordo  pensando che se ci sono aziende che partecipano  a una gara pubblica per diventare titolari di un diritto ad offrire un servizio per conto dello Stato, queste aziende devono vedersi garantito tale diritto fino allo scadere del titolo che hanno acquisito. Infine c’è il diritto al lavoro, perché non è pensabile che un ente locale introduca una norma che provoca, tra i vari effetti, la perdita di posti di lavoro a un cittadino, qualunque  sia lo scopo, anche il più nobile, come accade per il gioco. Nella regolamentazione del gioco spesso questo aspetto non viene considerato  ma chissà cosa diremo se un ente vietasse l’esercizio  delle pasticcerie  sul proprio territorio per tutelare il dilagare del diabete nella popolazione”.

Dopo questa premessa,  Cardia passa poi a spiegare i dettagli che caratterizzano la Questione  Territoriale  che sono anche oggetto del libro proposto al pubblico presente alla Fondazione  Forense di Bologna. Spiegando  le criticità legate all’impiego  dei tre strumenti più impiegati dagli enti locali per limitare la diffusione  del gioco sui territori e che portano però a un proibizionismo di fatto: ovvero, i ‘distanziometri’, le limitazioni  degli orari e i divieti proposti, come la riduzione della ludopatia e la tutela dell’ordine  pubblico, tenendo conto degli effetti proibizionisti  che causano la scomparsa  dell’offerta  legale che viene inevitabilmente rimpiazzata  da quella illecita.

 

Cliccando qui puoi scaricare il PDF del documento

 



Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle attività dello Studio