Distanziometro Puglia, Cardia: ‘Evidenziato l’effetto espulsivo’ (GIOCONEWS MARZO 2017)

Condividi su:

Nell’udienza alla Corte Costituzionale relativa alle questioni di legittimità della legge regionale della Puglia 43/2013, rimesse dal Tar Lecce con ordinanza n. 2529/2015, il giudice relatore, esponendo la causa, ha messo in evidenza “l’aspetto interessante della questione, consistente nell’effetto espulsivo del gioco legale determinato dalle disposizione della legge regionale”.

E’ seguita la discussione, in cui tra l’altro, dall’avvocato Geronimo Cardia sono state evidenziate ed esposte le risultanze delle perizie elaborate sia per il capoluogo della regione Puglia, Bari, sia per il comune di Melendugno (con interdizione rilevata pari, rispettivamente, al 96 percento e al 99 percento), nonché ricordati i tentativi fatti dal legislatore nel 2014 e 2015 rispettivamente con la legge delega e con la legge di Stabilità al fine di riunire gli enti territoriali ed addivenire ad una regolamentazione unitaria efficace e non proibizionistica del fenomeno.

“Per questo la norma regionale – prosegue Cardia – che impone il distanziometro è incostituzionale nella misura in cui determina l’effetto espulsivo.

Cliccando qui puoi scaricare il PDF del documento



Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle attività dello Studio