PIEMONTE, CARDIA: ‘RIVEDERE LA LEGGE REGIONALE SUL GAP’ (Gioconews.it 22 giugno 2018)

Condividi su:

L’avvocato Geronimo Cardia commenta l’interrogazione del consigliere regionale del Piemonte Luca Cassiani (Pd) sulle conseguenze della legge sul Gap.

“Il consigliere Luca Cassiani va ringraziato da parte di tutto il comparto del gioco legale. Ricordiamo che ciascun consigliere della Regione, del Comune di Torino e ciascun Comune della Regione hanno ricevuto personalmente, già da novembre 2017, l’istanza in autotutela con cui il comparto ha denunciato in anticipo l’errore tecnico che vizia il distanziometro della Regione. Criterio che provoca l’effetto espulsivo del gioco legale con tutte le conseguenze sul piano dell’apertura all’offerta illegale, della sua inutilità rispetto alla tutela del Gap, della perdita di gettito erariale, di posti di lavoro e di realtà economiche regionali sane e finora a servizio dello Stato”.

Lo sottolinea, in una nota, l’avvocato Geronimo Cardia, commentando l’interrogazione con cui il consigliere regionale del Piemonte Luca Cassiani (Pd) ha espresso valutazioni critiche sulla legge sul gioco, che sembrerebbe aver favorito l’emergere di forme di illegalità.

“L’istanza in autotutela, pure nota ai media, è a disposizione di chiunque ne faccia richiesta per la portata di interesse pubblico che riveste, come dimostrano le fondate preoccupazioni sollevate dal consigliere Cassiani. D’altronde anche il presidente Sergio Chiamparino nel suo tweet aveva ricordato l’importanza di rivedere la legge”, conclude Cardia.



Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle attività dello Studio