Udine, dietrofront sulla sala Bingo in viale Palmanova ( IL MESSAGGERO VENETO NOVEMBRE 2012)

Udine, dietrofront sulla sala Bingo in viale Palmanova ( IL MESSAGGERO VENETO NOVEMBRE 2012)

Condividi su:

UDINE. Il no all’apertura di nuove sale gioco non può essere  esteso alle realtà esistenti anche se queste decidono  di trasferirsi in altro luogo e di ampliare la gamma dei servizi offerti. A fare il mea culpa è l’awocato di palazzo D’Aronco,  Giangiacomo  Martinuzzi,  annunciando il deposito  dell’autotutela  al Tribunale amministrativo regionale (Tar) che, a brevissimo, analizzerà il ricorso presentato da Unonovanta, la società che gestisce la sala Bingo in viale Palmanova, per chiedere  la sospensione della delibera di approvazione delle direttive urbanistiche del nuovo Piano regolatore  che vietano l’apertura di nuove sale gioco in città.

Sulla base di queste direttive, il Comune ha negato l’autorizzazione al trasferimento della sala Bingo dall’attuale sede di viale Palmanova nell’ex bar a fianco del supermercato  Bilia,  sempre  nella stessa strada.  Il progetto  presentato  da Unonovanta prevedeva, infatti, un leggero ridimensionamento della sala Bingo,  spazi per uffici,  la creazione di un ristorante con tanto di sala Tv e una sala per gli appuntamenti speciali come le partite.  L’intenzione era quella di inaugurare la nuova sede a Natale, ma la scadenza non potrà essere  rispettata perché il Comune, in prima battuta, ha negato l’autorizzazione.

Da qui il ricorso al Tare una nuova analisi della pratica da parte dei tecnici di palazzo  D’Aronco  che oggi, come riferisce l’awocato, ammettono  di non aver interpretato correttamente  la norma. «Un attimo di incomprensione ci ha fatto sbagliare»  ribadisce l’avvocato Martinuzzi confermando il deposito  dell’autotutela,  owero del documento  attraverso il quale l’amministrazione riconosce l’errore. Tant’è che nell’ultima seduta di giunta,  l’amministrazione ha deciso di resistere in giudizio solo per depositare  l’autotutela al Tar.

La questione delle sale gioco è molto dibattuta in città. Se da un lato è vero che il numero è in costante aumento, dall’altro l’amministrazione ha deciso di imporre il divieto per tutelare i  cittadini vittime troppo  spesso  di una vera e propria dipendenza  che li portano alla rovina. Al momento, nel capoluogo  friulano si contano 11  sale gioco e 25 centri scommesse.

download



Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle attività dello Studio