Geronimo Cardia

Giochi: il divieto assoluto della pubblicità non cancella nè domanda nè disturbo

25/07/2019

“È necessaria una riflessione sull’applicazione del divieto assoluto di pubblicità del gioco pubblico, previsto dall’articolo 9 del decreto Dignità. La normativa, infatti in materia di gioco pubblico è estremamente tecnica ed impattante su diversi interessi costituzionali coinvolti, quali, la tutela della salute e del risparmio degli utenti, l’ordine pubblico ed il gettito erariale dello Stato, l’impresa ed il lavoro degli operatori del comparto. La proibizione assoluta non spazza via la domanda, tantomeno il disturbo da gioco d’azzardo. Dire semplicemente no è molto facile, in prima battuta, ma i nodi vengono al pettine successivamente e, come in questo caso, creano confusione e conseguenze negative. La vera sfida per il legislatore è pertanto quella di trovare le giuste misure, da inserire armonicamente in un contesto normativo evoluto e democratico” – Così Geronimo Cardia – Avvocato, dottore commercialista e revisore contabile.

 

RASSEGNA STAMPA:

Cardia: il divieto assoluto della pubblicità non cancella né “domanda”, né “disturbo” (Nongiochiamo)

Cardia (Avv.): “Divieto assoluto di pubblicità non cancella né domanda né disturbo da gioco d’azzardo” (AGOMEG)

Cardia: “giochi, ban assoluto advertising non cancella domanda e disturbo” (Gioconews)

Giochi, l’avvocato Cardia: “divieto assoluto pubblicità non cancella né domanda né disturbo (Jamma)

Giochi: Geronimo Cardia “il divieto assoluto della pubblicità non cancella né domanda né disturbo (Gazzetta dell’Emilia)

 

 

 



Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle attività dello Studio