Dicono di noi

PENALI SLOT:  TERMINATA UDIENZA  CORTE CONTI, SENTENZA NEL GIRO  DI DUE MESI Appena terminata l'udienza presso la Corte dei Conti dove si è celebrato il procedimento sulle maxi penali newslot. Oggi il pm ha sostanzialmente ribadito le richieste di condanna, lasciando però ampia libertà al Collegio di determinare l'ammontare del danno. Si attende ora la sentenza che secondo il presidente  del Collegio dovrebbe arrivare nel giro di due mesi. PENALI SLOT:  AVV. VARONE, "MONOPOLI NON RESPONSABILI PER DISFUNZIONI DI CONTROLLO" "I Monopoli non sono responsabili per le disfunzioni di controllo e di monitoraggio previste relative alla rete perchè affidate ai concessionari. E per i concessionari parlerei di inadempienze". E' quanto dichiarato da Pasquale Varone, legale di Antonio Tagliaferri, direttore giochi in Aams. "Il compito dei dirigenti Aams era principalmente garantire entrate erariali". PENALI  SLOT:  AVV. CARDIA (CODERE),  "MALFUNZIONAMENTI REPUTATI POSSIBILI DALLO  STESSO  LEGISLATORE" "Il danno da penale e il danno erariale sono diversi, ma dipendono dallo stesso comportamento. E il Consiglio di Stato con riguardo al danno da penale, ha affermato che non sussiste alcuna colpa grave delle compagnie concessionarie". E'  quanto ha detto nel corso dell'udienza sulle penali newslot alla Corte dei Conti, l'avv. Lubrano, legale di Codere. Per la stessa compagnia è intervenuto anche l'avvocato Cardia per spiegare che "sin dall'inizio, ovvero fin dallalegge che ha previsto la creazione della rete delle newslot, il legislatore aveva ipotizzato potessero verificarsi dei malfunzionamenti. Infatti ha dettato il meccanismo per calcolare il prelievo erariale in maniera forfettaria". PENALI  SLOT:  AVV. LORENZONI (SNAI), "OPERATORI, I MAGGIORI DANNEGGIATI" "Il Procuratore non ha fornito una quantificazione ispirata a principi di equità". Lo ha sostenuto l'avv. Lorenzoni, legale di Snai, intervenuto all'udienza in corso alla Corte dei Conti sulla vicenda delle maxipenali slot. "I maggiori danneggiati sono stati proprio gli operatori che hanno dovuto pagare dei forfait a volte anche superiori ai...

Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle attività dello Studio

EnglishFrenchGermanItalianRussian